Seleziona una pagina

L’Amarone torna in vetrina. E lo si fa dopo due anni. Due anni di stop dovuti alla situazione pandemica che vedono, in questa due giorni, il primo grande evento del territorio, dedicato al vino.

Si terrà sabato 26 e domenica 27 marzo l’appuntamento con l’evento che rientra nel grande progetto del Palio del Recioto e dell’Amarone. Un’occasione per consolidare, ancora una volta, il legame profondo che c’è fra il “Grande Rosso Veronese” e il territorio da dove viene prodotto, la Valpolicella classica.

Un evento voluto dall’Amministrazione comunale di Negrar di Valpolicella e realizzato in collaborazione con Mediawine Srl. Il palcoscenico della due giorni sarà, come nelle precedenti edizioni, Villa Mosconi Bertani, in località Novare di Arbizzano.

Un’occasione per ritrovarsi, per raccontare e diffondere le preziose caratteristiche di questo vino dal colore intenso e dal profumo inconfondibile. Una due giorni di degustazioni in cui le cantine presenti avranno la possibilità di presentare il loro prodotto, il loro territorio e l’esclusiva pratica dell’appassimento.

Camilla Coeli, Assessore alle manifestazioni: “Un evento a cui teniamo molto, fortemente voluto dalla nostra amministrazione, da affiancare al Palio del Recioto che si tiene a Pasqua. Saremo nella splendida cornice di Villa Bertani. E’ l’occasione per fare, ancora una volta, conoscere questo vino unico che rafforza la promozione del territorio e della nostra comunità”

Un format che rispetto alle sue prime edizioni rimane invariato, ma che al contempo si allunga: il sabato le degustazioni saranno aperte dalle 12.00 alle 21.00 e la domenica dalle 11.00 alle 20.00.

Un programma che oltre alle degustazioni, vede in calendario anche due eventi a ingresso gratuito. Si parte, quindi, il sabato mattina con l’intronizzazione dei nuovi cavalieri del Sovrano e nobilissimo Ordine dell’Amarone e del Recioto.

Alle 14.30, spazio alla divulgazione con un convegno, a ingresso libero, dal titolo: “Dal turismo lento al turismo sostenibile e responsabile” con Daniela Ballarini, Fondatrice di Palazzo Camozzini Business Center.

Alle 17.00, invece, spazio alla solidarietà con l’asta benefica in cui saranno messe in palio delle bottiglie di Amarone delle cantine presenti.
In piena vicinanza al popolo ucraino, il ricavato di questa edizione, complice la situazione sociale che coinvolge l’Ucraina, andrà in favore della Croce Rossa Ucraina.

Roberto Grison, Sindaco di Negrar:E’ una cosa a cui tengo molto. La comunità non dimentica quello che sta avvenendo in altri territori, l’asta di beneficienza porterà il ricavato a favore del popolo ucraino e in special modo a favore della Croce Rossa Ucraina.
Vogliamo mettere insieme il pensiero della nostra storia e tradizioni, e rivolgerla a coloro che stanno soffrendo e che dovrebbero vivere dei momenti felici ma non riescono a farlo”

Si continua domenica 27, poi, con una giornata dedicata alle tre masterclass di un’ora, a cura dei sommelier Enrico Fiorini, Gianluca Boninsegna e Marco Scandogliero.
Il focus sarà incentrato sulle interpretazioni dell’Amarone delle cinque vallate della Valpolicella classica.

Enrico Fiorini, Mediawine: “E’ un territorio che ci ha dato tanto che ci vuole bene, per questo abbiamo voluto aderire all’organizzazione di questo evento. Per noi è un discorso di cultura imprescindibile. Parlare di Amarone racconta tutto un territorio, non solo Negrar. Vogliamo fare sempre qualcosa di più, fare conoscenza attraverso il vino e raccontare ciò che sta dietro: come è nato, chi ci sta dietro. Raccontare un territorio e le sue persone”.

L’evento è aperto al pubblico e il ticket si potrà acquistare anche all’ingresso della manifestazione.

Prezzo al pubblico: 35 euro, nel prezzo è compreso il bicchiere e la tasca per riporlo. Acquisti in prevendita fino al 20 marzo: 30 euro fino ad esaurimento.
Apertura delle prevendite a partire dal 1 marzo su shop.mediawine.eu.

Tutte le info su paliodelreciotoedellamarone.wine
Seguici su Facebook PalioReciotoeAmarone, Instagram @vetrinaamarone2022